Nicaragua cover

Nicaragua. Eroi del Clima

Combattere la povertà con la riforestazione e il rafforzamento di ecosistemi naturali

Il Nicaragua è il secondo paese più povero dell’America Latina, dopo Haiti.

Più del 40% della popolazione vive in condizioni di povertà, il 15% in condizioni di estrema povertà e quasi un bambino su tre sotto i cinque anni soffre di denutrizione cronica.

L’intervento di Fondazione Altromercato in Nicaragua si localizza in un contesto aggravato dalla vulnerabilità della popolazione a catastrofi naturali, tra cui siccità, inondazioni, frane e uragani.

I beneficiari del progetto “Eroi del Clima” sono 405 produttori di caffè, di cui 156 donne, soci della cooperativa UCA Soppexcca, nell’area di Jinotega, El Cuá e Bocay.

Eroi del Clima è un progetto di sviluppo sostenibile innovativo che rafforzerà il sistema agroforestale dei piccoli agricoltori, rinnovando le loro piante di caffè con specie più resistenti ai cambiamenti climatici, piantando migliaia di nuovi alberi forestali e da frutto per aumentare la biodiversità e la sovranità alimentare delle famiglie.

Gli agricoltori di Soppexcca saranno collegati alla piattaforma ACORN (creata da Microsoft) che registrerà le unità di rimozione del carbonio (CRU) generate dalla riforestazione. La vendita dei crediti di carbonio garantirà l’integrazione del reddito delle famiglie dei produttori di caffè rafforzando ulteriormente la sostenibilità del progetto nel lungo termine.

Sostieni il progetto “Nicaragua. Eroi del Clima”

Il Progetto

Il progetto è centrato sull’implementazione di pratiche agronomiche climaticamente intelligenti che proteggono i produttori dagli effetti del cambiamento climatico e dalla volatilità del mercato del caffè, migliorando la produttività, rafforzando la sicurezza alimentare, differenziando le fonti di reddito tramite la garanzia dell’accesso al mercato volontario dei crediti di carbonio che consente di aumentare il loro reddito.

Il progetto si articola in quattro componenti: a) formazione; b) investimenti nel rinnovo delle piante di caffè resistenti ai cambiamenti climatici e rafforzamento dell’agro-foresta; c) georeferenziazione e tracciabilità; d) accesso ai mercati della sostenibilità.

 

a) Formazione

Durante i 36 mesi di realizzazione del progetto a partire da febbraio 2024,  verranno rafforzate le capacità del team tecnico di Soppexcca e dei promotori agricoli locali in modo che possano fornire ai loro piccoli produttori dei migliori servizi di assistenza tecnica, di georeferenziazione e tracciabilità per l’implementazione di pratiche agricole climaticamente intelligenti, per garantire l’accesso al mercato dei crediti di carbonio e certificare Soppexcca e i piccoli produttori suoi soci, in applicazione del nuovo regolamento UE per il contrasto alla deforestazione.

Attraverso un programma di formazione intensiva che combina la formazione sul campo con l’uso della piattaforma di apprendimento virtuale Carbon Academy, e l’uso dell’app digitale Farm Diary, tra maggio 2024 e maggio 2027 verranno rafforzate anche le capacità e conoscenze dei 405 piccoli produttori di caffè, garantendo la sostenibilità dell’intervento nel tempo.

 

b) Investimenti nel sistema produttivo dei campi

Il progetto sostiene i produttori di Soppexcca nel rafforzare i loro sistemi produttivi, passando da un sistema di produzione di caffè tradizionale con ombra sparsa ad un sistema di agroforestale multifunzionale che combina nuove piante di caffè più resistenti al cambiamento climatico con una maggiore densità forestale con alberi da frutto in consociazione con alberi forestali, colture agrarie per la produzione di cibo e la produzione di legname pregiato.

Nel corso dei 36 mesi di progetto, verranno avviati dei vivai e verranno distribuite a ciascuno dei 405 produttori di Soppexcca una media di 188 piante forestali, compresi alberi per la produzione di cibo e alberi forestali quali: Erythrina Fusca (bucaro, leguminosa), Guava rosata/nera, Cedrella Odorata (cedro reale), mogano, cedro maschio, noce, gavilán, Eutabia Rosea (quercia macueliza) Alloro, guayabon (Terminalia oblonga), nespolo, cortés (Tabebuia ochracea).

In totale, saranno distribuite 76.140 piante forestali e da frutto per rafforzare l’agro-foresta e 250.000 nuove piante di caffè, per rinnovare i campi con varietà più resistenti ai cambiamenti climatici.

Questi investimenti miglioreranno la qualità e la produttività del caffè e aumenteranno la cattura di CO2, aumentando e diversificando la capacità di generare reddito dei piccoli produttori e rafforzando la catena di approvvigionamento del caffè di SOPPEXCCA.

 

c) Georeferenziazione e tracciabilità

Il progetto raccoglierà i dati georeferenziati dei produttori in risposta a due obiettivi di SOPPEXCCA: facilitare l’accesso dei piccoli produttori al mercato volontario dei crediti carbonio e rispettare il regolamento sulla deforestazione dell’Unione Europea (UEDR).

Una volta mappati i poligoni dei campi dei produttori, Solidaridad li registrerà sulla piattaforma ACORN che utilizza tecnologia di remote sensing per misurare il sequestro del carbonio.

Grazie alla realizzazione del progetto, si stima che saranno sequestrate in media 7 tonnellate addizionali di CO2/ha all’anno, equivalenti a 2.835 tCO2 all’anno per ettaro.

 

d) Mercati della sostenibilità

Il progetto agevolerà l’accesso dei piccoli produttori di caffè a due nuovi mercati della sostenibilità: il mercato volontario dei crediti di carbonio ed i mercati del caffè a zero carbonio. L’80% del valore delle vendite dei crediti di carbonio verrà pagato ai produttori di caffè aumentando e differenziando il loro reddito, il restante 20% andrà a sostenere la cooperativa Soppexcca e coprirà le spese di certificazione.